Ittero


Ittero

L’ittero, o itterizia, è un colorito giallo della pelle, delle mucose, o degli occhi. Il pigmento giallo è dovuto alla bilirubina, un sottoprodotto di globuli rossi vecchi.

CAUSE: Quando si ha un livido, si nota che la pelle subisce una serie di cambiamenti di colore finché non guarisce. Quando passa nella fase gialla, si sta vedendo la bilirubina. Normalmente, circa l’1% dei nostri globuli rossi viene ritirato tutti i giorni, per essere sostituito da nuovi globuli rossi. Quelli vecchi sono trattati nel fegato e smaltiti. Gran parte della bilirubina che ne deriva lascia il corpo con le feci.

Se ci sono troppi globuli rossi che il fegato non può gestire, il pigmento giallo si accumula nel corpo. Quando ce n’è abbastanza da essere visibile, si parla di ittero. L’ittero può essere causato da troppi globuli rossi ritirati, dal fegato sovraccarico o danneggiato, o dalla incapacità di spostare la bilirubina elaborata dal fegato al tratto biliare dell’intestino.

La maggior parte dei bambini hanno un leggero ittero durante la prima settimana di vita. Un parto travagliato può portare ad un ritiro eccessivo di globuli rossi, e il fegato dei bambini è spesso impreparato per tale carico. Prima dell’allattamento, la bilirubina si accumula più facilmente. L’ittero è ancora più comune nei neonati prematuri. L’ittero fisiologico è il nome dell’ittero normale frequente nei bambini sani.

L’ittero patologico è il nome dato quando rappresenta un rischio per la salute, sia per il suo grado che per la causa. Esso può verificarsi in bambini o adulti. Nasce per molte ragioni, comprese le incompatibilità del sangue, malattie del sangue, sindromi genetiche, epatite, cirrosi epatica, ostruzione del dotto biliare, altre malattie del fegato, infezioni o farmaci. Il termine vale anche per l’ittero fisiologico peggiorato da disidratazione, prematurità, parto difficile o altro motivo.

Un’altra condizione chiamata sindrome di Gilbert è una malattia ereditaria benigna in cui si sviluppa l’ittero lieve. E’ causata da bassi livelli di bilirubina dovuta all’elaborazione degli enzimi nel fegato. Questa condizione, una volta riconosciuta, non necessita di ulteriore trattamento o di valutazione. Ci sono altre cause più rare ereditarie di elevati livelli di bilirubina.

Un colore giallo-arancio può essere dovuto al consumo eccessivo di beta-carotene, il pigmento arancione visto nelle carote. In questa condizione, il bianco degli occhi ha una colorazione giallastra. Questa condizione è chiamata ipercarotenemia o solo carotenemia.

L’ittero nei bambini è dovuto a:

  • Epatite autoimmune;
  • Atresia biliare;
  • Allattamento al seno;
  • Latte materno con ittero;
  • Disturbi presenti fin dalla nascita che causano problemi di elaborazione della bilirubina (sindrome di Gilbert, Dubin-Johnson, di Rotor o di Crigler-Najjar);
  • Anemia emolitica;
  • Malaria;
  • Ittero neonatale (ittero fisiologico);
  • Epatite virale (epatite A, epatite B, epatite C, epatite D ed epatite E).

L’ittero da allattamento al seno si può verificare nella prima settimana di vita in oltre un neonato su 10. La causa si pensa sia l’inadeguata assunzione di latte che causa disidratazione o basso apporto calorico. Si tratta di un tipo di ittero fisiologico o aggravato.

L’ittero dovuto al latte materno è molto meno comune e si verifica in circa un neonato su 200. Qui l’ittero di solito non è visibile fino a quando il bambino non raggiunge una settimana di vita e raggiunge il suo apice durante la seconda o terza settimana. L’ittero da latte materno può essere causato da sostanze nel latte della mamma che diminuiscono la capacità del fegato del bambino di occuparsi della bilirubina. Raramente causa qualche problema, se curato o meno. Di solito non è un motivo per smettere di allattare.

Le cause negli adulti sono:

  • Epatopatia alcolica (cirrosi alcolica);
  • Epatite autoimmune;
  • Stenosi biliare;
  • Dotti biliari bloccati (da infezioni, tumori o calcoli biliari);
  • Cancro al pancreas;
  • Epatite cronica attiva;
  • Disturbi presenti fin dalla nascita che causano problemi di elaborazione della bilirubina (sindrome di Gilbert, Dubin-Johnson, di Rotor o di Crigler-Najjar);
  • Colestasi farmaco-indotta;
  • Epatite farmaco-indotta;
  • Anemia emolitica;
  • Ittero epatocellulare ischemico (ittero causato dalla carenza di ossigeno e sangue al fegato);
  • Colestasi intraepatica della gravidanza (sversamento di bile nella cistifellea a causa della pressione addominale da gravidanza);
  • Malaria;
  • Cirrosi biliare primaria;
  • Epatite virale (epatite A, epatite B, epatite C, epatite D ed epatite E).

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico. Per aiutare a diagnosticare l’ittero, il medico farà domande sulla storia medica e i sintomi. I seguenti test diagnostici possono essere effettuati:

  • Bilirubina sierica;
  • Test di funzionalità epatica e colesterolo;
  • Tempo di protrombina;
  • Esame emocromocitometrico completo;
  • Ecografia dell’addome;
  • Biopsia epatica;
  • Urina e urobilinogeno fecale.

TERAPIA: La causa di ittero deve essere determinata prima del trattamento. Seguire la terapia prescritta per trattare la causa sottostante.

Contattare un medico se un bambino o un adulto mostra l’ittero.

PREVENZIONE: L’alimentazione frequente dei bambini non dovrebbe lasciarli disidratati. Nei bambini con ittero, la cosa importante è evitare il kernittero, livelli tossici di bilirubina che si accumulano nel cervello. L’identificazione precoce e il trattamento dell’ittero di solito impediscono il kernittero, qualunque sia la causa. Oltre a questo, l’ittero è un sintomo di altri problemi che prevedono altre strategie di prevenzione.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Have something to say?