Ipofunzione ovarica


Ipofunzione ovarica

L’ipofunzione ovarica è la ridotta funzionalità delle ovaie (compresa la produzione diminuita di ormoni).

CAUSE: L’ipofunzione ovarica può essere causata da fattori genetici come alcune anomalie cromosomiche, o può verificarsi con alcune malattie autoimmuni tali da disturbare la normale funzione ovarica. La chemioterapia e la radioterapia possono anche causare l’ipofunzione ovarica.

SINTOMI: Le donne con ipofunzione ovarica possono sviluppare i sintomi della menopausa, come vampate di calore, sbalzi di umore, sudorazione notturna e secchezza vaginale, ma può anche causare difficoltà nel rimanere incinte.

DIAGNOSI: Un esame del sangue sarà effettuato per controllare il livello di ormone follicolo-stimolante o FSH. I livelli di FSH sono più alti del normale nelle donne con ipofunzione ovarica. Altri esami del sangue possono essere fatti per cercare i disordini autoimmuni o malattie della tiroide.

Le donne con ipofunzione ovarica che desiderano avere una gravidanza possono essere particolarmente preoccupate della loro capacità di concepire. Quelle di età inferiore ai 30 anni possono essere sottoposte ad analisi cromosomica per verificare i problemi. Le donne anziane che si avvicinano alla menopausa naturale non necessitano di questo test.

TERAPIA: La terapia estrogenica ha spesso successo sia nel trattamento dei sintomi della menopausa causata da ipofunzione ovarica che nella prevenzione della perdita ossea, ma non aumenta le probabilità di una donna di rimanere incinta. Meno del 10% delle donne con ipofunzione ovarica sarà in grado di rimanere incinta. La possibilità di gravidanza aumenta al 50% quando usa un ovulo fecondato di un’altra donna.

Contattare un medico se non si hanno più periodi mestruali durante il mese o se ci sono sintomi di menopausa precoce o si hanno difficoltà a rimanere incinte.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Have something to say?