Ipertrofia prostatica

uomo dal medico per prostata allargata
Ipertrofia prostatica

La prostata è una ghiandola maschile riproduttiva che produce il liquido che trasporta lo sperma durante l’eiaculazione. Essa circonda l’uretra. Ipertrofia prostatica significa che la ghiandola è cresciuta più del normale. L’ingrossamento della prostata succede a quasi tutti gli uomini che invecchiano. Quando la ghiandola si sviluppa, può premere sull’uretra e causare problemi di minzione ed alla vescica. Un ingrossamento della prostata è spesso chiamata iperplasia prostatica benigna (BPH) o ipertrofia prostatica benigna. Non è un cancro, e non aumenta il rischio di cancro alla prostata.

CAUSE: La vera causa dell’allargamento della prostata non è nota. I fattori legati all’invecchiamento dei testicoli può giocare un ruolo nella crescita della ghiandola. Gli uomini a cui vengono rimossi i testicoli in giovane età (per esempio per un tumore testicolare) non sviluppano la BPH.

Analogamente, se i testicoli vengono rimossi dopo che un uomo sviluppa la BPH, la prostata comincia a ridursi in dimensione. La probabilità di sviluppare prostata ingrandita aumenta con l’età. Un piccolo ingrossamento della prostata capita in molti uomini di età superiore ai 40 anni ed in oltre il 90% degli uomini di età superiore agli 80. Non ci sono fattori di rischio identificati oltre ad avere i testicoli normalmente funzionanti.

SINTOMI: Meno della metà degli uomini con BPH ha i sintomi della malattia, che comprendono:

  • Scarsa minzione;
  • Ritenzione urinaria;
  • Svuotamento incompleto della vescica;
  • Incontinenza;
  • Bisogno di urinare due o più volte per notte;
  • Dolore ad urinare o sangue nelle urine;
  • Avvio rallentato o ritardato del flusso urinario;
  • Tendenza ad urinare;
  • Impulso forte e improvviso di urinare;
  • Urine dal getto debole.

DIAGNOSI: Dopo una completa anamnesi medica, il medico eseguirà un esame rettale digitale e sentirà la ghiandola prostatica. I seguenti test possono anche essere eseguiti:

  • Portata delle urine;
  • Controllo della vescica dopo la minzione;
  • Studi di flusso di pressione per misurare la pressione nella vescica;
  • Analisi delle urine per verificare la presenza di sangue o di infezioni;
  • Urinocoltura per controllare l’infezione;
  • Dosaggio dell’antigene prostatico specifico (PSA) per lo screening per il cancro alla prostata;
  • Cistoscopia.

Inoltre, potrebbe essere chiesto di compilare un modulo per valutare la gravità dei sintomi ed il loro impatto sulla vita quotidiana.

TERAPIA: La scelta di un trattamento si basa sulla gravità dei sintomi, la misura in cui influenzano la vita quotidiana, e la presenza di altre condizioni mediche. Le opzioni di trattamento comprendono maggiori attenzioni, i cambiamenti dello stile di vita, farmaci o interventi chirurgici. Dopo i 60 anni si hanno maggiori probabilità di avere sintomi, ma molti uomini con ingrossamento della prostata li hanno solo lievi. La terapia domestica spesso è sufficiente per star meglio. Questa prevede, per i sintomi lievi:

  • Urinare ogni volta che se ne sente il bisogno;
  • Evitare alcool e caffeina, soprattutto dopo cena;
  • Non bere molti liquidi tutti in una volta;
  • Evitare di bere liquidi entro 2 ore prima di coricarsi;
  • Cercare di non prendere farmaci decongestionanti o antistaminici;
  • Fare attività fisica regolarmente e al caldo. Il freddo e la mancanza di attività fisica possono peggiorare i sintomi;
  • Imparare ed eseguire esercizi di rafforzamento pelvico;
  • Ridurre lo stress. Il nervosismo e la tensione possono portare a minzione più frequente.

Farmaci: gli Alfa 1-bloccanti (doxazosina, prazosina, tamsulosina, terazosina, alfuzosina) sono una classe di farmaci che viene utilizzata per curare la pressione arteriosa alta. Questi farmaci rilassano i muscoli della prostata e del collo vescicale. Questo consente una più facile minzione. La maggior parte delle persone trattate con alfa 1-bloccante alleviano i sintomi.

Finasteride e dutasteride abbassano i livelli di ormoni prodotti dalla prostata, riducendone la dimensione, il tasso di urina ed i sintomi di BPH. Ci possono volere da 3 a 6 mesi prima di notare un miglioramento. Potenziali effetti collaterali legati all’uso della finasteride e dutasteride sono diminuito desiderio sessuale ed impotenza. Gli antibiotici possono essere prescritti per il trattamento della prostatite cronica (infiammazione della prostata), che può accompagnare la BPH. Alcuni uomini notano sollievo dopo un ciclo di antibiotici.

Chirurgia: L’intervento chirurgico alla prostata può essere consigliato se si hanno:

  • Incontinenza;
  • Ricorrente sangue nelle urine;
  • Ritenzione urinaria;
  • Ricorrenti infezioni del tratto urinario;
  • Insufficienza renale;
  • Calcoli.

La scelta di una specifica procedura chirurgica è di solito basata sulla gravità dei sintomi e la dimensione e la forma della prostata. La resezione transuretrale della prostata è il trattamento più comune e collaudato. L’incisione transuretrale della prostata è simile alla precedente, ma è di solito eseguita in uomini che hanno una prostata più piccola. Essa viene solitamente eseguita senza la necessità del ricovero.

Prostatectomia semplice: un prostatectomia è di solito eseguita in anestesia generale o spinale. L’incisione viene fatta attraverso l’addome o perineo (la zona dietro lo scroto). Solo la parte interna della ghiandola della prostata viene rimossa. Si tratta di una procedura lunga, e di solito richiede una degenza ospedaliera di 5-10 giorni.

La maggior parte degli uomini che subiscono un intervento alla prostata hanno un miglioramento dei tassi di flusso urinario e dei sintomi. Altri interventi meno invasivi sono:

  • Energia a radiofrequenza – ablazione ago transuretrale;
  • Energia a microonde – termoterapia transuretrale a microonde;
  • Corrente elettrica – elettrovaporizazione transuretrale;
  • Acqua calda – termoterapia acqua-indotta;
  • Laser – coagulazione laser interstiziale e olmio enucleazione laser della prostata.

Nessuna di queste tecniche ha dimostrato di essere migliore della resezione transuretrale. I pazienti che ricevono queste procedure meno invasive hanno più probabilità di avere bisogno di un nuovo intervento dopo 5-10 anni. Tuttavia, queste procedure non possono essere una scelte per:

  • Gli uomini più giovani;
  • I pazienti anziani;
  • I pazienti con gravi condizioni mediche, come diabete non controllato, cirrosi, alcolismo, psicosi e malattie cardiache e renali;
  • Gli uomini che assumono farmaci che fluidificano il sangue.

La prostatectomia robot-guidata è un’altra tecnica recente. Tuttavia, la tecnologia non è ampiamente disponibile, e l’esperienza del chirurgo deve essere presa in considerazione. Inoltre, non esistono studi a lungo termine su questo intervento chirurgico. Un’altra forma di trattamento è lo stent prostatico.

PROGNOSI: Gli uomini che hanno avuto BPH con un graduale aumento dei sintomi possono sviluppare:

  • Improvvisa incapacità di urinare;
  • Infezioni delle vie urinarie;
  • Calcolosi urinaria;
  • Danni ai reni;
  • Sangue nelle urine.

Anche dopo il trattamento chirurgico, la condizione può tornare.

Contattare un medico se si hanno:

  • Meno urine del solito;
  • Febbre o brividi;
  • Dolori addominali o di schiena;
  • Sangue o pus nelle urine;
  • La vescica non si sente completamente vuota dopo aver urinato;
  • Si prendono farmaci che possono causare problemi urinari, come diuretici, antistaminici, antidepressivi o sedativi. Non interrompere o modificare i farmaci da soli senza parlare con il medico;
  • Dopo 2 mesi di terapia domestica  non ci sono risultati.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Have something to say?