Infezione delle ghiandole salivari

Infezione delle ghiandole salivari

Un’infezione alle ghiandole salivari è un disordine causato da un’infezione virale o batterica.

CAUSE: Le ghiandole salivari producono la saliva che inumidisce il cibo per aiutare nella masticazione e la deglutizione. La saliva contiene enzimi che iniziano il processo di digestione, aiuta anche nella pulizia meccanica della bocca lavando via i batteri e le particelle di cibo, mantiene la bocca umida, e aiuta a mantenere protesi o apparecchi ortodontici in posizione.

Ci sono 3 paia di ghiandole salivari. Le due più grandi sono le ghiandole parotidi, una per ogni guancia sulla mascella davanti alle orecchie. Due ghiandole sottomandibolari sono nella parte posteriore della bocca da entrambi i lati della mandibola. Due ghiandole sublinguali sono sotto la base della bocca.

Tutte le ghiandole salivari rilasciano saliva nella bocca attraverso le condotte che si aprono in varie aree della bocca. La parotite è una infiammazione di una o entrambe le ghiandole salivari parotidi. Si tratta di una malattia piuttosto comune. Le infezioni virali come la parotite spesso colpiscono le ghiandole salivari (gli orecchioni più spesso colpiscono le ghiandole parotidi). Questa forma di parotite è ora molto più rara nei bambini grazie al vaccino. Le infezioni batteriche di solito sono il risultato dell’ostruzione (come i calcoli del dotto salivare) o scarsa igiene orale.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Gonfiore del viso (in particolare davanti alle orecchie, al di sotto della mandibola, o sul palato);
  • Bocca secca;
  • Sapori anomali o perdita del gusto;
  • Bocca o dolore facciale, soprattutto quando si mangia;
  • Diminuzione della capacità di aprire la bocca;
  • Febbre.

DIAGNOSI: Un esame da un medico o un dentista mostra ghiandole salivari gonfie. Del pus può scaricarsi in bocca. La ghiandola può far male, soprattutto a causa delle infezioni batteriche. Le infezioni virali come la parotite possono causare gonfiore doloroso delle ghiandole.

TERAPIA: In alcuni casi, nessun trattamento è necessario. Se vi è pus o febbre, o se l’infezione è nota e si presume sia batterica, gli antibiotici possono essere prescritti. Gli antibiotici non sono efficaci contro le infezioni virali. Una buona igiene orale, con lavaggio dei denti approfondito con spazzolino e filo interdentale almeno due volte al giorno, può aiutare la guarigione e aiutare a prevenire la propagazione dell’infezione. Se sei un fumatore, smettere di fumare poiché questo aiuta nel recupero.

Caldi risciacqui con acqua salata (mezzo cucchiaino di sale in un bicchiere d’acqua), possono far rilassare e mantenere la bocca umida. Bere molta acqua e usare gocce di limone senza zucchero per aumentare il flusso di saliva e ridurre il gonfiore.

PROGNOSI: La maggior parte delle infezioni delle ghiandole salivari guariscono spontaneamente o vengono curate con il trattamento. Le complicanze non sono comuni, ma possono verificarsi e possono essere:

  • Ascesso della ghiandola salivare;
  • Diffusione localizzata dell’infezione batterica (cellulite, angina di Ludwig);
  • Ricorrenza dell’infezione.

Contattare un medico se i sintomi dell’infezione delle ghiandole salivari sono presenti, o se l’infezione è stata già diagnosticata e i sintomi peggiorano, soprattutto se aumenta la febbre, o vi è difficoltà a respirare o ad inghiottire (questi possono essere sintomi di emergenza).

PREVENZIONE: In molti casi, le infezioni delle ghiandole salivari non possono essere evitate. Una buona igiene orale può prevenire alcuni casi di infezione batterica.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Have something to say?