Gangrena gassosa

Gangrena gassosa

La gangrena gassosa avviene generalmente nella sede di trauma o una recente ferita chirurgica.

CAUSE: L’inizio della gangrena gassosa è improvviso e drammatico. Circa un caso su 5 si verifica senza un evento irritante. I pazienti che sviluppano questa malattia in questo modo hanno spesso alla base qualche malattia dei vasi sanguigni (aterosclerosi), diabete o cancro al colon. Il batterio Clostridium produce molte tossine diverse, quattro delle quali (alfa, beta, epsilon, iota) possono causare sindromi potenzialmente mortali. Le tossine causano danni ai tessuti, alle cellule del sangue e ai vasi sanguigni.

SINTOMI: Il sito dell’infezione si infiamma con un rigonfiamento dei tessuti che diventano da pallidi al marrone-rosso e risultano molto dolorosi. Se si preme sul tessuto gonfio con le dita, si può sentire il gas come un gorgoglio. I bordi della zona infetta si espandono così rapidamente che i cambiamenti possono essere visti in pochi minuti. Il tessuto coinvolto può essere completamente distrutto. I sintomi includono:

  • Aria sotto la pelle (enfisema sottocutaneo);
  • Bolle piene di liquido rosso-bruno;
  • Drenaggio dai tessuti, liquido maleodorante bruno-rosso o sanguinolento (scarico sieroematico);
  • Aumento della frequenza cardiaca (tachicardia);
  • Febbre alta o moderata;
  • Dolore moderato o grave della pelle coinvolta;
  • Colore della pelle pallida che poi diventa scura e cambia in rosso scuro o viola;
  • Gonfiore intorno ad una lesione della pelle;
  • Sudorazione;
  • Formazione di vescicole, che si uniscono in bolle più grandi;
  • Ittero.

I sintomi di solito iniziano improvvisamente e peggiorano rapidamente. Se la condizione non viene trattata, la persona può sviluppare shock con diminuzione della pressione sanguigna (ipotensione), insufficienza renale, coma, e infine la morte.

DIAGNOSI: La persona può essere in stato di shock. Un medico potrebbe sentire aria nei tessuti (crepitio). Gli esami da effettuare sono:

  • Cultura anaerobica dei tessuti e dei fluidi;
  • Analisi del sangue;
  • Colorazione di Gram del liquido dalla zona infetta;
  • Raggi-X, TAC o risonanza magnetica della zona.

TERAPIA: Il paziente dovrà subire un intervento chirurgico per rimuovere rapidamente i tessuti morti, danneggiati e infetti. La rimozione chirurgica (amputazione) di un braccio o una gamba possono essere necessari per controllare la diffusione dell’infezione. Spesso questo deve avvenire prima che tutti i risultati dei test diagnostici siano disponibili. I pazienti devono prendere gli antibiotici, preferibilmente simili alla penicillina con clindamicina. Inizialmente, i pazienti ricevono antibiotici endovena. Alcune persone possono avere bisogno di analgesici per controllare il dolore. Qualcuno è stato curato con ossigeno iperbarico, con vari gradi di successo.

PROGNOSI: La gangrena gassosa è progressiva e spesso fatale. Possibili complicazioni possono essere:

  • Coma;
  • Delirium;
  • Danni deturpanti o invalidanti permanenti dei tessuti;
  • Ittero con danni al fegato;
  • Insufficienza renale;
  • Shock;
  • Sepsi;
  • Stordimento.

Contattare un medico se ci sono i segni dell’infezione intorno ad una ferita cutanea o altri sintomi di gangrena gassosa.

PREVENZIONE: Pulire qualsiasi tipo di lesione della pelle a fondo. Attenzione ai segni di infezione (quali arrossamento, dolore, drenaggio, o gonfiore intorno ad una ferita), e consultare il medico immediatamente se questi si verificano.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Have something to say?