Endocardite

Endocardite

L’endocardite è l’infiammazione del rivestimento interno delle camere cardiache e delle valvole cardiache (endocardio).

CAUSE: L’endocardite può coinvolgere il muscolo cardiaco, valvole cardiache o rivestimento del cuore. La maggior parte delle persone che sviluppano l’endocardite hanno malattie cardiache delle valvole.

I fattori di rischio per lo sviluppo dell’endocardite sono:

  • Droghe iniettate;
  • Accesso venoso permanente;
  • Chirurgia valvolare;
  • Recente chirurgia dentale;
  • Valvole indebolite.

L’infezione batterica è la fonte più comune dell’endocardite. Tuttavia, può anche essere causata da funghi. In alcuni casi, nessuna causa può essere identificata.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Urine di colore anomalo;
  • Brividi;
  • Eccessiva sudorazione;
  • Fatica;
  • Febbre;
  • Dolore alle articolazioni;
  • Dolori muscolari;
  • Sudorazioni notturne;
  • Anomalie alle unghie;
  • Pallore;
  • Macchie cutanee rosse indolore sul palmo delle mani e piante dei piedi;
  • Nodi rossi dolorosi sui polpastrelli;
  • Mancanza di fiato durante l’attività;
  • Gonfiore dei piedi, gambe e addome;
  • Debolezza;
  • Perdita di peso.

I sintomi dell’endocardite possono svilupparsi lentamente (subacuta) o improvvisamente (acuta).

DIAGNOSI: I medici potrebbero sospettare l’endocardite in persone con una storia di:

  • Malattia cardiaca congenita;
  • Uso di droga per via endovenosa;
  • Recenti operazioni dentali;
  • Febbre reumatica.

Può essere rilevato un soffio al cuore nuovo o un cambiamento in un soffio precedente. L’esame delle unghie può presentare emorragie. Un esame oculistico può mostrare emorragie nella zona centrale della retina (macchie di Roth). Ci possono essere piccole emorragie puntiformi (petecchie) nella congiuntiva. Le punte delle dita possono essere ingrandite, e le unghie possono apparire curve. Gli esami saranno:

  • Analisi del sangue;
  • Emocromocitometrico completo;
  • Radiografia del torace;
  • Proteina C-reattiva;
  • Ecocardiogramma;
  • Elettrocardiogramma;
  • Velocità di sedimentazione eritrocitaria;
  • Sierologia;
  • Ecocardiogramma transesofageo.

TERAPIA: Le persone con questa condizione saranno spesso ricoverate per ricevere antibiotici endovena per combattere i batteri dalle camere cardiache e delle valvole. L’intervento chirurgico per sostituire la valvola cardiaca è di solito necessario quando:

  • L’infezione si rompe in piccoli pezzi, causando una serie di ictus;
  • La persona sviluppa insufficienza cardiaca a seguito delle valvole cardiache danneggiate;
  • C’è un danno d’organo.

PROGNOSI: Il trattamento precoce dell’endocardite aumenta le probabilità di un esito positivo. Tuttavia, la distruzione della valvola o un ictus possono portare alla morte. Possibili complicazioni possono essere:

  • Aritmie come la fibrillazione atriale;
  • Coaguli di sangue che si spostano in altri organi infetti, provocando infezioni e gravi danni;
  • Ascesso cerebrale;
  • Modifiche al sistema nervoso del cervello;
  • Insufficienza cardiaca congestizia;
  • Glomerulonefrite;
  • Itterizia;
  • Gravi i danni della valvola cardiaca;
  • Icuts.

Contattare un medico se si notano i seguenti sintomi durante o dopo il trattamento:

  • Sangue nelle urine;
  • Dolore toracico;
  • Fatica;
  • Febbre;
  • Intorpidimento;
  • Debolezza;
  • Perdita di peso senza cambiamenti nella dieta.

PREVENZIONE: Le persone con alcune malattie cardiache spesso assumono antibiotici preventivi prima di procedure dentali o interventi chirurgici che riguardano l’apparato respiratorio, urinario, o il tratto intestinale. Chiedete sempre al vostro medico se pensa ne abbiate bisogno. I pazienti con una storia di endocardite dovrebbero effettuare visite di controllo regolari.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Have something to say?